venerdì 19 maggio 2017

"AI TEMPI DI GESU' NESSUNO AVEVA UN REGISTRATORE"

mavah???

Davvero incredibile il livello di assurdità che ultimamente ci siamo abituati a digerire come boli di "saggezza" e "transigenza"

Il capo dei gesuiti: "Le parole di Gesù vanno contestualizzate, nessuno sa quel che veramente ha detto"
 Il punto di partenza è quanto detto dal cardinale Gerhard Ludwig Müller, prefetto della congregazione per la Dottrina della fede, a giudizio del quale "le parole di Gesù sono molto chiare e nessun potere in cielo e in terra, né un angelo né il Papa, né un Concilio né una legge ha la facoltà di modificare".


Risponde padre Sosa: "Intanto bisognerebbe incominciare una bella riflessione su che cosa ha detto veramente Gesù. A quel tempo nessuno aveva un registratore per inciderne le parole. Quello che si sa è che le parole di Gesù vanno contestualizzate, sono espresse con un linguaggio, in un ambiente preciso, sono indirizzate a qualcuno di definito". E poi, aggiunge il Generale, "nell'ultimo secolo nella chiesa c'è stato un grande fiorire di studi che cercano di capire esattamente cosa volesse dire Gesù. Ciò non è relativismo, ma certifica che la parola è relativa, il Vangelo è scritto da esseri umani, è accettato dalla chiesa che è fatta di persone umane".

Quindi, la chiosa: "Perciò è vero che nessuno può cambiare la parola di Gesù, ma bisogna sapere quale è stata!". Quanto all'affermazione in Matteo (19,3-6) secondo cui "non divida l'uomo ciò che Dio ha congiunto", Sosa risponde: "Io mi identifico con quello che dice Papa Francesco. Non si mette in dubbio, si mette a discernimento". Discernimento che è fondamentale e che ha una priorità sulla dottrina stessa, anche se quest'ultima "fa parte del discernimento e un vero discernimento non può prescindere dalla dottrina". In ogni caso, spiega padre Sosa, "dottrina è una parola che non mi piace molto, porta con sé l'immagine della durezza della pietra. Invece la realtà umana è molto più sfumata, non è mai bianca o nera, è in uno sviluppo continuo".

http://www.ilfoglio.it/chiesa/2017/02/22/news/arturo-sosa-abascal-sinodo-chiesa-cattolica-matrimonio-famiglia-gesu-relativismo-121886/


DISCERNIMENTO 
Facoltà di formulare un giudizio o di scegliere un determinato comportamento, in conformità con le esigenze della situazione

 Non voleva comprendere che il Padre, avendo più esperienze di vita, aveva più discernimento di lui.

Nessun commento:

Posta un commento