domenica 21 ottobre 2018

Sinodo, omosessualità e ideologia LGBT. Una voce critica dall’Australia

LGBT
> Italiano
> English
> Español
> Français

*

La seguente nota proviene dall’Australia, un paese duramente toccato dallo scandalo degli abusi sessuali commessi da ministri consacrati, e tanto duramente che nel territorio della sua capitale, Canberra, il segreto della confessione è da giugno addirittura perseguibile come un reato, qualora il sacerdote che venisse a conoscenza, mentre amministra il sacramento, di un abuso su minori non lo denunciasse alle pubbliche autorità.
L’autore della nota, Paul A. McGavin, teologo e con studi in economia, appartiene appunto al clero dell’arcidiocesi di Canberra e Goulburn. E affronta qui proprio la piaga che tanto ferisce la Chiesa, non solo in Australia. Dice perché, a suo giudizio, questa piaga si è diffusa e avanza delle proposte per guarirla alla radice.
I lettori di Settimo Cielo già conoscono padre McGavin per alcuni suoi precedenti interventi, l’ultimo, nel 2015, sui criteri di selezione dei vescovi.
Ma questa volta egli tocca una questione dibattuta proprio nel sinodo dei vescovi attualmente in corso a Roma, soprattutto riguardo all’omosessualità, a partire dal polemico intervento dell’arcivescovo di Filadelfia, Charles Chaput, contro l’introduzione della formula LGBT nel documento base del sinodo.
A lui la parola.
*
VIVERE IL VANGELO INCARNATO DI GESÙ CRISTO

di Paul A. McGavin
La voce dell'arcivescovo Charles Chaput riguardo all'introduzione della formula LGBT nell’”Instrumentum laboris” del sinodo sulla gioventù è un canto della sirena che deve essere ascoltato. Tuttavia le sue parole non dicono tutto ciò che deve essere detto e tutto ciò che deve essere ascoltato. Assieme all’arcivescovo Chaput, sono convinto che la fedeltà al Vangelo e la proclamazione vissuta del Vangelo debbano costituire la spina dorsale della struttura e del processo del sinodo. Però – ed è un “però” forte – il nostro Vangelo è una proclamazione dell’incarnazione, una proclamazione del fatto che Dio era in Cristo per riconciliare il mondo con lui (2 Corinzi 5, 19). E impersonando, vivendo e proclamando che il Vangelo rimane essenzialmente “incarnazionale”.
L’essere “incarnazionale” significa che i discepoli di Cristo sono inseriti e impegnati nel mondo e costruiscono vite che comprendono profondamente le varie situazioni quotidiane delle varietà di culture e della varietà di persone tra le quali la Chiesa è inserita con una finalità missionaria. Qual è il punto forte del mio parlare così? Parlo così perché i terribili scandali degli abusi sessuali nella Chiesa universale che continuano a svolgersi mettono in chiaro che nella Chiesa la formazione al ministero [sacerdotale] e la formazione del carattere [dei candidati] sono stati difettosi nel passato e continuano ad essere difettosi nel presente.
Il secondo termine dell’acronimo LGBT sta per "gay". Questo era un termine che nemmeno esisteva in Australia quando mi formavo al ministero nei primi anni Settanta, o almeno non ne ero a conoscenza. Ma certamente ero consapevole della presenza di quello che chiamerei un processo di auto-selezione di giovani che entravano in formazione e che non avevano raggiunto la maturità psico-sessuale e un’identità sessuale integrale.
Sebbene il generale lassismo di quell'epoca abbia contribuito a un crescente lassismo nei comportamenti, questa mancanza non è iniziata lì. I precedenti casi di abusi sessuali ad opera di ministri della Chiesa sono sorti in un'epoca anteriore nella quale una probità pubblica generale sembrava più evidente. Dico "sembrava più evidente" perché in aspetti significativi era meno "vista”. C'era generalmente una reticenza nel parlare delle complessità della sessualità umana e dello sviluppo umano e dei processi di integrazione psico-sessuale. In realtà queste complessità erano spesso semplicemente non comprese.
Abbiamo visto questa mancanza di comprensione nel modo in cui i vescovi si sentivano incapaci di trattare i casi di comportamento sessuale abusivo del clero. Abbiamo visto questa mancanza di comprensione nel modo in cui i vescovi sconcertati tranquillizzavano il loro disagio spedendo coloro che avevano commesso abusi sessuali in cliniche che offrivano programmi di consulenza correttiva. Troppo tardi è arrivata in loro la consapevolezza che ci sono alcuni fallimenti nello sviluppo psico-sessuale e nella formazione del carattere che non sono trattabili con tardivi interventi terapeutici psico-sociali.
In breve, non c'era – e secondo me non c'è – una consapevolezza complessiva di ciò che è coinvolto nei processi di formazione del carattere e di integrazione psico-sessuale. È a questo punto che presento una prospettiva diversa da quella a cui principalmente guarda l'arcivescovo Chaput. E il motivo è che la semplice proclamazione del Vangelo e la coltivazione di una pietà pubblica che dovrebbe ispirare la vita del Vangelo non sono sufficienti. E non sono sufficienti perché l'opera di riconciliazione attuata in Cristo e affidata alla Chiesa è, appunto, “incarnazionale”. Sebbene i Vangeli ci diano un solido ritratto della natura carnale di Gesù, non parlano di lui in termini sessuali, se non della sua evidente virilità. Ciò che viene implicitamente trasmesso è l'evidente integrità umana di Gesù.
Nella mia lettura “incarnazionale”, san Giuseppe ha un ruolo centrale riguardo a questa sana virilità di Gesù. La narrazione del concepimento e della nascita non conferisce a Gesù la sua natura umana in un'adeguata comprensione dell'incarnazione. Un'adeguata comprensione dell'incarnazione comporta non solo la natura biologica della persona umana, ma anche la natura sociale della persona umana e i processi sociali nei quali una persona umana si sviluppa fino a una maturità umana integrale. La "crescita in sapienza e in età” di Gesù (Luca 2, 52) non era solo un'"obbedienza" a Maria e Giuseppe (Luca 2, 51). Gesù fu chiamato il "figlio del falegname" o "il falegname" (Matteo 13, 55; Marco 6, 3) non semplicemente perché questa era la sua comune attribuzione. La maturità virile di colui che nella sua persona era ed è “vero Dio e vero uomo” fu formata nel cuore di una famiglia e nel cuore di una società, e il Gesù che incontriamo nei Vangeli è cresciuto sotto la guida paterna come il “figlio di Giuseppe” (Luca 3, 23). In breve, la mascolinità forte e gentile di Gesù, l'integrazione psico-sessuale che vediamo nel comportamento di Gesù registrato nei Vangeli non solo "accadde" perché la Parola divina mediante l’opera dello Spirito Santo assunse l'umanità attraverso la sua Vergine Madre. Ci fu uno sviluppo umano integrale nella persona del Dio-uomo Gesù di Nazaret.
Ora cerco di rendere esplicito ciò che finora è stato implicito. Gesù è stato concepito ed è nato di sesso maschile. Lo sviluppo umano di Gesù ha mostrato un'integrazione degli aspetti sociali e comportamentali della sua mascolinità con gli aspetti fisici della sua mascolinità. Traducendo questo nel linguaggio delle scienze sociali contemporanee, Gesù era maschio nel sesso, e Gesù era maschio nel genere. Cioè, incontriamo in Gesù un'identità di genere coerente con la sua identità sessuale. Questo è un riconoscimento importante. È importante perché il termine recentemente coniato “trans”, che è la quarta lettera dell’acronimo LGBT, è indicativo di persone la cui identità di genere è scarsamente integrata con la loro sessualità biologica.
I processi o i fallimenti dei processi che generano questa disparità tra genere e sesso sono complessi e non ben compresi. Ma hanno componenti importanti di errata strutturazione sociale. Allo stesso modo, forse non capiamo bene i processi o i fallimenti dei processi che danno origine a una dominante attrazione sessuale per lo stesso sesso, il “lesbica" e il “gay" del primo e secondo termine dell’acronimo LGBT.
Anche se non mi sono occupato di ricerca psico-sociale a livello accademico, a 75 anni ho una lunga vita di osservazione e di lettura su questi temi. La mia conclusione è che una cosa è incontrare un grado di attrazione per lo stesso sesso, e un'altra cosa è coltivare o dare campo libero all'attrazione per lo stesso sesso. Cioè, riscontrare segni che possono portare alla qualifica di “omosessuale” non è la stessa cosa che essere “gay”, e questi termini non dovrebbero essere confusi. La presenza dell'omosessualità non equivale a essere "lesbica" o essere "gay". La questione non è fondamentalmente diversa da quella di un uomo o di una donna eterosessuali sposati che magari hanno una forte attrazione per l’altro sesso ma non la mettono in opera perché rispettano la fedeltà sponsale. E la fedeltà sponsale è una questione di carattere, di carattere in un senso etico o morale. E tale carattere è un prodotto del complesso sviluppo del carattere umano e della maturità e integrazione psico-sessuale, inclusa l'integrazione religiosa.
È lo stesso per un uomo nel sacro ministero. Qualora non sia stato realisticamente e naturalisticamente formato in uno sviluppo umano e in uno sviluppo del carattere in consonanza con il Vangelo incarnato di Gesù Cristo, si scoprirà che non vive il suo impegno al celibato con forza e amore. In effetti, la sua vita e le sue azioni potrebbero diventare perverse in tutte le direzioni, e non solo in materia sessuale.
Ho detto che la formazione al ministero rimane insoddisfacente oggi, e questo perché abbiamo una "nuova" versione del puritanesimo che è propagandata come politica di "tutela" o "protezione" e che coltiva solo un’agenda basata su regole e un'osservanza basata su un protocollo. Ciò non riesce a costruire un'identità umana forte, calorosa e sicura. È una politica pietistica del "non toccare” che arriva a nemmeno più consentire la presenza di qualcuno di età minore di 18 anni senza accanto un'altra presenza. È una cultura della ”non fiducia" e una cultura in cui non viene coltivata una sobria ”valutazione del rischio". È una cultura di eccessivo scetticismo, di paura e di precauzione esagerata. È una cultura che inibisce il far proprie e il vivere la bellezza, la generosità e la libertà della vita in Cristo.
Stranamente, queste risposte reattive presentano una riproduzione errata della cultura precedente, in cui le perversioni sessuali nascoste crescevano non viste e prive di “salvaguardia” o "protezione”. Le attuali esagerate politiche reattive riproducono una cultura in cui lo sviluppo umano integrale che vediamo in Gesù di Nazaret è inibito piuttosto che incoraggiato. Abbiamo bisogno di aprire i nostri occhi e il nostro cuore affinché possiamo vedere e comprendere le confusioni in cui viviamo, ben rappresentate dall'acronimo LGBT, e condurre generosamente le persone a incontrare e scoprire la bellezza, la grazia, la forza, la gioia e la disciplinata facilità e onestà del vivere il Vangelo incarnato di Gesù Cristo.

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/10/17/sinodo-omosessualita-e-ideologia-lgbt-una-voce-critica-dall%E2%80%99australia/

venerdì 19 ottobre 2018

AMATI FIGLI, NON C’È PIÙ TEMPO, È FINITO E DOVETE VIVERE OGNI GIORNO COME SE FOSSE L’ULTIMO.

MESSAGGIO DELLA SANTISSIMA VERGINE MARIA
ALLA SUA AMATA FIGLIA LUZ DE MARIA
18 OTTOBRE 2018


Amati figli del Mio Cuore Immacolato:

AD OGNI SGUARDO DI MIO FIGLIO SULL’UMANITÀ, SI ESPANDE IL SUO AMORE PER QUELLE ANIME CHE SONO DISPOSTE A RICEVERLO.

L’Amore di Mio Figlio è talmente infinito che è inesauribile e va in cerca dei peccatori sperando nel loro pentimento.

Mio Figlio vi chiama costantemente a rendervi conto della realtà in cui state vivendo, della sciagura che state scegliendo, del futuro verso il quale siete avviati, nel subire supinamente e di libero arbitrio le novità sfrenate di quei gruppi che stanno cercando di imporsi nella società.

Come umanità, avete disprezzato i doni e le virtù che sono latenti nell’uomo, creato a immagine somiglianza di Dio (Cfr. Gen 1,27), vi siete allontanati di vostro libero arbitrio, da quello che potrebbe salvarvi l’anima.  

Amati figli del Mio Cuore Immacolato:

NON ARRENDETEVI, CONTINUATE A SFORZARVI, DANDO TUTTO, ANCHE SE DISPREZZATI, OFFESI, NON GUARDATE A VOI STESSI, MA OFFRITE CON AMORE I DOLORI E LE GIOIE, PER LA SALVEZZA DELLE ANIME.

I Miei figli sono testimoni dell’Amore, della Fede, della Speranza, della Carità ed adempiono alla Legge di Dio e ai Sacramenti.

I Miei figli sono azione, trovano soddisfazione nell’andare in aiuto dei loro fratelli.

Figli, mantenete l’unità. In questo momento il nemico dell’anima, nella sua disperazione di attirare le anime, si sta scagliando sull’umanità perché sa che nella confusione che si sta avvicinando, può far vacillare coloro che sono tiepidi o che hanno basato la loro fede in un essere umano e non in Dio.

Per questo vi chiedo di approfondire la chiamata di ciascuno di voi, in quanto figli di Dio, la grandezza dell’essere figli di Dio e perciò non attaccatevi alle cose di questo mondo che vi allontanano dalla Verità di Dio.

AMATI FIGLI, NON PERDETE LA VITA IN ATTI O IN AZIONI CHE VI ALLONTANANO DALLA VITA ETERNA, ADESSO FATE IL PASSO: DECIDETEVI AD AFFIDARVI ALLA CHIAMATA DI MIO FIGLIO.

 ALCUNI CREDONO DI AVERE A DISPOSIZIONE TUTTO IL TEMPO NECESSARIO PER FARE UNA SCELTA ALL’ULTIMA ORA
RIGUARDO ALLA LORO SALVEZZA.
MA NON È COSÌ, MIEI AMATI FIGLI!

QUANTO VI AFFANNATE PER LE COSE DEL MONDO!

Ricevete così tanto dalla Trinità Sacrosanta, ma quanto resistete per affidarvi alla Misericordia Infinita…!
Alcuni di voi portano il Santo Rosario al collo, nel borsellino o lo tengono in mano, ma:
Quanti sono quelli che pensano a come lo diranno, prima di iniziare ogni mistero? …
Quanti vivono la vera vita in Dio? …
Quanti perdonano? …
Quanti vivono nella miseria spirituale, immersi nel possedere le cose materiali, dicendo alla Trinità Sacrosanta: IO VIVO LA SPIRITUALITÀ ALLA MIA MANIERA e finiscono col non vivere una vera vita in Dio? …
Quante mattine avete detto a Dio, dammi tempo, domani smetterò quello che devo smettere e quando domani arriva, ripetete la stessa cosa, perché state vivendo intrappolati in qualche vizio, in qualche peccato o in qualche cattiva azione che non volete abbandonare?...

AMATI FIGLI, NON C’È PIÙ TEMPO, È FINITO E DOVETE VIVERE OGNI GIORNO COME SE FOSSE L’ULTIMO.

Voi sapete quante calamità stanno succedendo in tutto il mondo, sapete delle variazioni del clima, sapete dei fenomeni atmosferici, sapete del costante movimento della terra, dei terremoti che si stanno succedendo costantemente, dei vulcani che stanno eruttando…!
Figli, rendetevi conto che questi fenomeni stanno succedendo tutti nello stesso momento, uno dopo l’altro e questo vi deve portare a fermarvi e a considerare i segni di questo momento.

Si stanno avvicinando le grandi prove ed Io desidero che siate preparati.

Quale Popolo di Dio, non sarete abbandonati dalla Volontà Divina, né da questa Madre.  

Poi, al culmine della sofferenza, arriverà l’Angelo di Pace (1) ad aiutare il Popolo di Dio, verrà a prendervi per mano perché possiate andare avanti e non vi perdiate.
Di fronte a grandi prove alcuni dei Miei figli sentiranno di non farcela ad andare avanti ed il Nostro amato Angelo della Pace, con la Parola Divina espressa nella Sacra Scrittura, ravviverà la vostra Fede nella Trinità Sacrosanta ed il Popolo di Dio riacquisterà nuove forze e sarà un solo Popolo nell’Amore Divino.

Amati figli del Mio Cuore Immacolato, nelle vostre preghiere chiedete per i paesi che stanno soffrendo e per quelli che stanno patendo la carestia.
Non dimenticatevi di pregare per il Messico, non abbandonate nelle vostre preghiere i vostri fratelli del Venezuela e del Nicaragua.

Amati figli, non aspettate, non dite: farò domani quello che non ho fatto oggi.

Dovete essere decisi per la salvezza dell’anima, non potete aspettare di convertirvi in futuro.

Dio vi sta parlando in molti modi ed ancora continuate ad essere ciechi a causa della vostra testardaggine, dimenticandovi per convenienza che il grano e la zizzania non staranno insieme, saranno divisi.

DECIDETEVI AD ESSERE DI DIO E PER DIO, AFFIDATEVI A DIO
E LUI VI PLASMERÀ CON AMORE E CON MISERICORDIA, PERÒ FATELO ADESSO!

Come Madre dell’umanità vi chiedo risolutamente di essere decisi e di convertirvi, di guardare i segni di questo momento, di allontanarvi dalle occasioni di peccato, di essere amore con il prossimo e di fare la Volontà Divina.

Sono tanti quelli che stanno andando avanti come se stessero giocando con Dio, non si staccano totalmente dai legami che li tengono lontani da una vera dedizione. Questo è il momento del Sì, sì o del no, no! (Cfr. Giac 5,12)

Figli amati del Mio Cuore Immacolato, pregate con il cuore.

Vi benedico, vi amo.

Mamma Maria

AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO
AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO
AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO


Dall'illusione alla Verità - Testimonianza di Gloria Polo

 
Risultati immagini per gloria polo 
 
Se qualcuno ha dubbi, o pensa che Dio non esiste, che l’Aldilà sia
cosa da film, o che con la morte tutto finisce, faccia il favore di leggere
questa testimonianza! Ma legga dall’inizio alla fine! Sicuramente la sua
opinione, fosse anche la più scettica, cambierà! Si tratta di un fatto
realmente accaduto! Gloria Polo è una donna che “morì”, passò all’altro
mondo e ritornò proprio per dare la sua testimonianza agli increduli. Dio ci
dà molte prove, ma noi neghiamo sempre la sua esistenza.
Gloria Polo vive attualmente in Colombia, continua ad esercitare la
stessa professione che aveva prima dell’accaduto. E’ rimasta con enormi
cicatrici, ma ha una vita normale; la differenza è che adesso è una donna
con molta fede! Viaggia molto, per dare la sua testimonianza a migliaia di
persone, compiendo la missione che Dio le ha affidato (ha l’autorizzazione
da parte della Chiesa per questo).
Questa è la trascrizione di una sua testimonianza, data in una
chiesa di Caracas (Venezuela), il 5 maggio del 2005, e che traduciamo
dallo spagnolo. E’ autentico! NON E’ FINZIONE.


http://www.webalice.it/ingcom/Kyrie_file/GloriaPolo.pdf

Il giudizio è quasi alle porte. È qui, è giunto


Domenica 14 ottobre, 2018
CI SARANNO ANCOR PIÙ TEMPESTE, FUOCO DAL CIELO E INVASIONE

Nelle prime ore della mattinata del 13 ottobre 2018 mi è stato dato ancora un avvertimento incombente per gli Stati Uniti. Io e la Mia famiglia eravamo giunti in una proprietà isolata per prepararci a ciò che sapevamo che doveva succedere: una qualche catastrofe su vasta scala. Sono entrata nel casotto prima della mia famiglia soltanto per vedere che non ci fossero dei demoni. Mi hanno manifestato chiaramente che volevano la morte della nostra famiglia, io per prima.

Mentre li stavo redarguendo, improvvisamente dal nulla, fuori scoppiò una tempesta. Era come se fossi immediatamente nel tornado più forte che c'è, e in un batter d'occhio, soffiavano venti fortissimi come un treno merci, il rumore era assordante. Immediatamente volavano alberi e detriti e colpivano il capanno in cui mi trovavo; sentivo i vetri delle finestre che sbattevano e si chiudevano. Alcuni detriti entravano dal tetto e dalle pareti. Non avevo avuto il tempo nemmeno di capire cosa stava succedendo perché era veloce ed intenso. Subito ho pregato perché la mia famiglia fosse al sicuro in un altro stabile della proprietà, poiché sentivo come se improvvisamente fossi circondata dal male e dall'oscurità.

In quello stesso istante ho sentito queste parole: "Distruggili!!" Così ho lanciato il mio braccio contro i demoni, come se fosse una spada e loro si sono frantumati in mille pezzi e sono scomparsi. Ho anche gridato più forte che potevo il salmo 91, urlando persino la scrittura per contrastare il rumore della tempesta. Immediatamente si è acquietato tutto. Poi dinanzi ai miei occhi e contemporaneamente ho sentito nel mio spirito- ISAIA 13.. ISAIA 13.. ISAIA 13.. Sono corsa al tavolo su cui vi era la mia bibbia e l'ho aperta su Isaia 13, quindi ho letto "Il peso di Babilonia".

Se conoscete Isaia 13, sapete che parla della distruzione di Babilonia, che rappresenta gli Stati Uniti. Come ho fatto con tutto ciò che mi è stato dato dal Signore, sono andata a Lui e gli ho chiesto che cosa voleva rivelare a me personalmente e cosa al Suo popolo. Molti ancora non credono che quello che si dice in quella scrittura è vicinissimo, purtroppo soffriranno tantissimo per la loro ignoranza perché queste cose accadono ora.

Yahushua dice:

Figlia, la scrittura parla da sé. Chi ha orecchi per intendere ciò che sto dicendo e gli avvertimenti che vi ho dato da un po' di tempo a questa parte. Il giudizio è quasi alle porte. È qui, è giunto, e ciò che è partito non sarà fermato. È l'inizio della fine. Questa nazione americana, che era bella, cadrà, e la sua rovina sarà grande. Poiché vi dico, che porrò in ginocchio in un'ora soltanto. Ne farò un segno e un esempio per la sua fornicazione e idolatria. Ha corrotto tutto ciò che le ho donato e pagherà un prezzo enorme.

L'oscurità cresce sempre più, proprio come ho detto che sarebbe stato, ma la Mia Sposa sa di essere protetta ed è stata invocata ad agire con autorità ora con maggior potere. Le bugie repentine sono qui e non devi più esitare usando la tua spada dello spirito, la Mia santa Parola contro tutto il male che vi odia ed ora vi circonda, volendo solo la vostra morte. Vi ho insegnato tutto quello che dovete sapere. Camminate nel Mio potere e autorità e branditeli arditamente.

Ora molte cose accadranno velocemente e, come vi ho già detto, poi sarà troppo tardi per pensare alla vostra risposta. Se vi abbandonate completamente e la Mia Parola è scritta nel vostro cuore, risponderete immediatamente con le Mie parole che hanno il potere della vita sulla morte e le direte ovunque vi mandi. Se Io sono presente in voi e tramite voi, l'oscurità deve fuggire.

Proprio come una donna in travaglio, pronta a dare la vita, così questi castighi si susseguiranno l'uno all'altro, sempre più ravvicinati e con maggiore intensità. Non vi ho detto che così doveva essere?

(Leggete il messaggio del 18 giugno, 2012 intitolato Un Altro Grave Avvertimento per l'America)

Molto è qui ora. L'avete già visto. Tempeste di magnitudine sempre maggiore si succederanno a quelle che avete già visto. Ci sarà fuoco dal cielo, nelle nazioni vi sarà più carestia e, di conseguenza, le malattie. I vostri nemici irromperanno quando meno ve lo aspettate, avantaggiandosi della vostra debolezza. Vedrete molto.

Focalizzatevi intensamente solo in Me, perché tutto il resto passerà. Domani non sarà come ieri o oggi. Ora viene velocemente, Miei cari. Siate pronti. State vicini al Mio cuore e tutto vi andrà bene. Vi userò con potenza in mezzo alla tempesta che è qui.

Rallegratevi perché il vostro Re sta arrivando!!!

YAHUSHUA 

giovedì 18 ottobre 2018

IL WASHINGTON TIMES: IL PAPA SIA LEADER SPIRITUALE E NON SPIN MEISTER POLITICO. O LASCI

MCCARRICK, WUERL. IL WASHINGTON TIMES: IL PAPA SIA LEADER SPIRITUALE E NON SPIN MEISTER POLITICO. O LASCI

18 ottobre 2018

Marco Tosatti

Cari Stilumcurialisti, oggi vi offriamo la traduzione di un commento molto interessante apparso sul Washington Times, a firma di R. Emmet Tyrrell Jr. Emmet Tyrrel Jr. è il fondatore e il direttore di The American Spectator. Il suo ultimo libro è The Death of Liberalism. The American Spectator è una rivista mensile che data dal 1924, e che è stata rifondata nel 1967. The Washington Times è un quotidiano che si occupa di temi generali, con un occhio particolare agli Stati Uniti e alla politica nazionale e internazionale. Chi vuole leggere l’originale può farlo cliccando sul titolo dell’analisi qui sotto.
Alla fine di agosto scorso papa Francesco ha dichiarato che non avrebbe “detto una parola” sulla lettera di un ex nunzio a Washington che sosteneva, fra le altre cose, che il papa aveva ignorato le accuse di abusi sessuali fatte contro il cardinale Theodore McCarrick, precedente arcivescovo di Washington.
La lettera era scritta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò e implicava l’attuale arcivescovo di Washington in una copertura delle decadi di cattivo comportamento dell’arcivescovo McCarrick. Si tratta del card. Donald Wuerl.  Ora da venerdì scorso le dimissioni del card. Wuerl da arcivescovo sono state accettate dal papa. Allora, il papa continua a restare muto? Accettando le dimissioni di Wuerl il papa ha detto che l’ammissione dell’arcivescovo di aver fatto “errori” nella cattiva gestione di sacerdoti colpevoli di abusi dimostrava la sua “nobiltà”.
Davvero questa è l’interpretazione del papa in quello che è stato uno dei più seri scandali della Chiesa cattolica per secoli? È questo tutto quello che vuole dire? Il suo silenzio continuo è tipico del papa e tipico del Vaticano. Ha detto finora molto poco sul comportamento predatorio di un numero straordinariamente alto di preti cattolici americani. Nella diocesi di Pittsburgh solamente 300 preti che avevano sbagliato sono stati menzionati nel report del Gran Jury ad agosto, un rapporto che risale fino a 70 anni fa.
Perché il papa è così riluttante a parlare chiaro? L’arcivescovo Viganò ha scagliato accuse contro il papa stesso. Il papa affronterà onestamente queste accuse? Il suo silenzio e i suoi riferimenti eufemistici agli atti odiosi commessi dai preti americani lo stanno avviluppando in una crisi ancora maggiore. L’arcivescovo Viganò ha già chiesto al papa di dimettersi. Questo potrebbe finire anche peggio. Nel mondo altre voci potrebbero risuonare chiedendo le dimissioni del papa.
Ora ci sono indicazioni che il cardinale Wuerl e il papa stiano lavorando sulla sostituzione di Wuerl come arcivescovo. Si sospetta che stiano pescando un candidato molto simile al cardinal Wuerl. Questo sarebbe un disastro. È tempo che la gerarchia della Chiesa capisca che i laici non tollereranno di mandare i loro figli a scuole e chiese dove sono in agguato preti abusatori. È tempo che i laici, e i preti fedeli nella Chiesa prendano iniziative ed eliminino questi predatori.
La gerarchia ha la responsabilità della Chiesa negli affari di dottrina e anche in quelli amministrativi. Ma il laicato controlla i lacci della borsa. Non viviamo nel tardo Medioevo. È cresciuta una classe media negli ultimi 500 o 600 anni che ha cambiato le cose radicalmente per la gerarchia della Chiesa.  Controlla una grandissima parte delle entrate della Chiesa. Inoltre la Gerarchia controlla molto poco della ricchezza. I latifondi sono svaniti. I vescovi e i cardinali dovrebbero calibrare la loro arroganza a queste realtà. Già i cattolici americani, ricchi e non così ricchi, stanno dicendo ai fedeli di trattenere le loro donazioni. Questo farà diminuire molto rapidamente il budget dei vescovi.
Le donazioni stanno già calando. Mi dicono che alcune parrocchie stanno vivendo un calo fino al 50 per cento nelle loro collette settimanali. La mia previsione è che molto presto il budget della Chiesa dovraà essere ridimensionato alla nuova realtà offerta da parrocchiani scontenti. I tagli saranno veloci. Già dei gala di stagione sono stati cancellati. In una parrocchia a St. Augustine, in Florida, è stata annulla la celebrazione autunnale. Il gala era previsto per questo mese, ma con gli scandali i contributi sono crollati. Queste cancellazioni diventeranno più frequenti nei mesi prossimi in tutta l’America. La presuntuosa gerarchia della Chiesa dovrebbe stare attenta.
Il papa può fare a meno di parlare della “nobiltà” degli “errori” fatti dai suoi uomini come il cardinale Wuerl. Questi “errori” erano nella maggior parte dei casi crimini odiosi. Hanno lasciato cicatrici su migliaia di fedeli, sia quelli che sono stati avvicinati da questi preti degenerati e sui genitori e amici dei giovani. Non si può negare che il comportamento di pochi ha indebolito la Chiesa di tutti i fedeli.
È arrivata l’ora che papa Francesco si renda conto che è stato a capo della Chiesa in un momento di crisi senza precedenti. Deve smetterla di parlare con gli eufemismi di uno spin-meister politico e servire come un leader spirituale. O fa così, o dovrebbe lasciare il Vaticano, come ha suggerito l’arcivescovo Viganò.

http://www.marcotosatti.com/2018/10/18/mccarrick-wuerl-il-washington-times-il-papa-sia-leader-spirituale-e-non-spin-meister-politico-o-lasci/

La Terra trema

 Risultati immagini per tsunami indonesia

L'ora della trasfigurazione dei figli di Dio è giunta!
Carbonia, 06-10-2018
Ore 16.44 fine 16.56 durata 10m55sec

Gioite o figli di Sion!In questo Colle sarà celebrata la vittoria di Maria Santissima su satana!!!
In questo luogo succederanno tanti miracoli!
Ecco che, il vostro Re apre le porte del suo palazzo, verrete a dimorare in esso e sarete felici per sempre.

Amati figli dell'Amore, oggi voglio unirmi a voi per gridare la gloria di Dio sulla Terra, parteciperete con me, Maria, alla vittoria finale.

Ecco che il Padre urla il suo disprezzo per questa Umanità iniqua, una Umanità che ha perso ogni valore, che si è messa nelle misere mani del nemico.

Satana impera sulla Terra, i miei figli si sono donati a lui, nelle sue misere mani!

Grido a voi, o popolo ingrato, grido a voi la mia giustizia! ...è giunta la Mia ora! ...il vostro Dio vi annuncia il suo intervento per riportare buono su tutta la Terra!

L'ora della trasfigurazione dei figli di Dio è giunta!

Aprite i vostri cuori all'Altissimo, uniti a Maria, e pregate che il tempo che resta, per coloro che sono lontani dall'Amore, sia benigno per la loro conversione.
Apro le mie braccia a voi, sono disteso sulla croce, guardo verso la Terra e vedo una Umanità senza pudore, senza amore, vedo i miei figli combattersi uno contro l'altro, uccidersi come Caino e Abele, vedo che questo tempo segna la vostra condanna.

Urlo ancora a voi, con tutto il mio amore di Padre: ...vi scongiuro figli miei, convertitevi, ora tutto si compirà, scenderà il buio sulla Terra e l'uomo non saprà da quale parte andare: è l'ora della tenebra! ...è l'ora della giustizia divina!

A voi la scelta!!!

In questo Colle sarà celebrata la vittoria di Maria Santissima su satana!!!

In questo luogo succederanno tanti miracoli!
L'uomo vedrà la gloria di Dio e la sua potenza! ...ecco che il tempo è giunto, vedrete con i vostri occhi le meraviglie di Dio!

Uniti a Maria Santissima, verrete alla mia croce e, inginocchiati ad essa, griderete il vostro amore a Me e Mi abbraccerete nel vostro cuore e, mi direte:

Perdona, o Padre, i tuoi figli, perché non hanno capito il tuo amore.

Benedirò, attraverso voi, quella Umanità che si preparerà a ricevere questo intervento divino, e manderò su tutti i miei figli lo Spirito Santo affinché essi possano vedere con gli occhi di Dio e possano partecipare alla vittoria.
• Uomini perché non vi convertite?
• Perché non mi ascoltate?
• Perché siete ostili a Me?
• Perché non volete il mio amore?
Figlioli, voi cercate solo confusione, libertinaggio: siete giunti alla morte.

Non procedete oltre, fermatevi figli miei, fermatevi a meditare, il mio Cuore trionferà con tutti i miei figli, con tutti coloro che avranno saputo apprezzare l'amore di Dio e si saranno convertiti.

Il Cielo comanda: …Aprite i vostri cuori all'amore, convertitevi figli miei, oggi vi rivelo il mio imminente intervento, fate sì che Io possa trovarvi tutti in Me per prendervi in Me e innalzarvi in Me.

Non siate stolti, il mio Calice è versato, il Mio Sangue purifica la Terra con tutto ciò che contiene.
Chi sarà con Me, sarà con Me nell'eternità e sarà felice nel nuovo Paradiso che si aprirà per tutti i figli di Dio.

La Terra trema, i mari si innalzano, i vulcani si incendiano, ma gli uomini non temono Dio, temono la perdita dei loro beni materiali e non quelli spirituali.

La vita, figli miei, è la grazia più grande!

Abbiate pietà di voi stessi!  ...Venite! Venite! Venite!

Ecco che Io vengo.

Amen
 
• La Croce infuocata sarà visibile agli occhi dell'Umanità!
• Sarà l'avvertimento dell'ira di Dio su questa Umanità perduta!
• Gocce di sangue bagneranno ancora la Terra!

O uomini! ...perché non vi convertite?

Perché non vi inginocchiate a Colui che è l'unica vostra salvezza?

Siete stolti, siete la vostra stessa condanna, non piangerò più lacrime amare, perché oggi Io intervengo per rimediare ogni cosa, metterò il mio sigillo d'amore su tutta l'Umanità che si ravvederà e Mi chiederà perdono.

Gli istanti sono contati, le ore finite da un pezzo, tutto verrà celebrato secondo il rito di Dio!

Pace a voi o piccoli miei.

Amen!
 

mercoledì 17 ottobre 2018

Chiedo ai miei amati figli di non aver paura per i giorni che verranno.

Trevignano Romano 16 ottobre 2018
Figli miei, grazie per le vostre preghiere. Chiedo ai miei amati figli di non aver paura per i giorni che verranno. Amati miei, i cieli si sono aperti, desidero che tutti i miei figli stiano tranquilli, perché la mia Chiesa non morirà mai. Ora, tutto verrà dissacrato, ma voi seguite la mia vera Chiesa, Io vi sarò sempre vicina. Figli, non abbiate alcun timore, io vostra Madre vi amo. Ora, vi do la mia santa benedizione nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, Amen”.
 
 
 https://www.lareginadelrosario.com/