martedì 31 gennaio 2017

sciame sismico sull'etna

 

 Terremoto in Sicilia, sciame sismico sull'Etna: dati, mappe, foto, riepilogo e parole dell'esperto INGV

Torna tremare l’Etna, scuotendo una ‘faglia’ solitamente tranquilla, quella del medio versante sud-occidentale. Lo fa con uno sciame sismico intenso, circa 60 terremoti in poche ore, il maggiore dei quali di magnitudo 3.5, rilevato alle 10.51, che ha scosso palazzi e anche le persone dei paesi vicini all’ipocentro, nella zona del Comune di Ragalna, non lontano dai Monti Parmentelli e San Leo. Un evento che ricorda quello registrato nel 2008. L’energia rilasciata ha attraversato tutti i versanti del vulcano attivo piu’ alto d’Europa ed è arrivata fino a Catania, Augusta e Siracusa, dove i terremoti piu’ forti sono avvertiti nei piani alti dei condomini della citta’ etnea. Cinque scosse sopra magnitudo 3.0 e un’altra quindicina comprese tra 21. e 2.8, con ipocentro a una profondita’ variabile tra 11 e e 14 chilometri, fanno scattare piani precauzionali di prevenzione in alcuni paesi etnei, come Ragalna, Nicolosi, Bronte, Belpasso e Randazzo dove le scuole sono state evacuate. Numerose anche le persone scese per strada per il ripetersi di eventi di discreta energia. Ma non stati segnalati danni a cose o persone. L’attivita’ sismica, che sembra in fase di attenuazione, ma e’ tuttora in corso, non risulta accompagnata da anomalie negli altri parametri geofisici monitorati dall’Osservatorio etneo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania.

Per approfondire http://www.meteoweb.eu/foto/terremoto-tante-scosse-sulletna-lultimo-sciame-cosi-risale-al-2008/id/846011/#6G4Ll8yI7GPmiJfW.99

Nessun commento:

Posta un commento